Messaggi Ticker

OMAGGIO E RICORDO DEL PROF. GIOVANNI DI GIANNATALE

NEL PRIMO ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA 

8 maggio 2016 – 8 maggio 2017

Un anno fa, l’8 maggio 2016, veniva prematuramente a mancare al termine di una malattia fulminante, all’età di soli 63 anni, il Professor Giovanni Di Giannatale.

Mirko De Berardinis e Mario Ferzetti ne ricordano la figura di docente, storico e giornalista che ha "raccontato" Teramo in numerosi libri e articoli. "Nel primo anniversario della sua improvvisa scomparsa, ricordiamo con affetto e commozioneil nostro “caro amico” Gianni. Per l’occasione, nella giornata di ieri, abbiamo voluto rendere omaggio alla sua memoria, recandoci in visita presso il Cimitero di Cavuccio a Teramo, dove riposano le sue spoglie. In eterna amicizia, abbiamo portato sulla sua tomba dei fiori bianco-rossi, i colori della sua amata Città, la nostra Teramo".

Giovanni Di Giannatale, laureato in Lettere (1975) e in Filosofia (1982) con il massimo dei voti e la lode nell’Università “La Sapienza” di Roma, è stato per più di vent’anni (1995-2016) il Dirigente Scolastico del Polo Liceale “Giannina Milli” di Teramo.  Storico, saggista e giornalista, ha realizzato una vasta produzione storico-critica. Socio della Deputazione abruzzese di storia patria, ha ricevuto tre premi nazionali della cultura dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (1973, 1983, 2003) ed una menzione dell’Accademia Nazionale dei Lincei (Classe di Scienze Morali) per “il particolare impegno scientifico”. Autore di moltissimi libri di storia e cultura locale, ha dedicato studi e ricerche alla figura di “San Gabriele dell’Addolorata”, ai Padri Passionisti, a numerosi protagonisti e vicende della Diocesi teramana e della Resistenza. Ha pubblicato anche vari studi sul pensiero etico-politico di Dante su riviste specializzate e numerosi saggi e libri sull’istruzione pubblica e privata, sia laica che ecclesiastica, tra Ottocento e Novecento, in Provincia di Teramo. Di Giannatale è stato anche Collaboratore attivo di quotidiani e giornali locali e  riviste sia culturali che di diritto scolastico (trimestrale “Teramo Nostra”, Nuova Secondaria, Scuola e Amministrazione).

 

AVVISO: DOMANI SCUOLE CHIUSE A TERAMO

Domani a Teramo scuole di ogni ordine e grado chiuse, nidi compresi

AVVISO IMPORTANTE: LA ASL DI TERAMO COMUNICA:

Informazione alla cittadinanza 

Si avverte la Cittadinanza dei Comuni di Alba Adriatica, Ancarano, Basciano, Bellante, Campli, Canzano, Castellalto, Castelli, Civitella del Tronto, Colledara, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Giulianova, Isola del Gran Sasso, Martinsicuro, Montorio al Vomano, Morro d’Oro, Mosciano, Nereto, Notaresco, Penna S. Andrea (Val Vomano), Pineto, Roseto, Sant’Omero, Sant’Egidio, Teramo, Torano Nuovo, Torricella Sicura (capoluogo e Bivio S. Chiara), Tortoreto e Tossicia che attualmente, e a fini preventivi di tutela della salute pubblica, l’utilizzo dell’acqua di rete è limitato ai soli usi igienici, poiché le analisi eseguite dall’ARTA su campioni prelevati dalla ASL di Teramo in data 8.5.2017, hanno rilevato una non conformità dell’acqua per “odore e sapore non accettabile”.

I risultati delle analisi sui campioni ripetuti in data odierna, sia al mattino che al pomeriggio, saranno disponibili nella giornata di domani e – a seguito di questi – verranno adottate e immediatamente comunicate ulteriori decisioni sull’utilizzo dell’acqua. 

 

Direzione Generale

ASL Teramo

Teramo 9.5.2017

OMAGGIO A PANNELLA NELL’ANNIVERSARIO DELLA SUA SCOMPARSA

Leggi tutto...

Aperte iscrizioni al Servizio di Refezione Scolastica

Leggi tutto...

PREVENZIONE E DISASTRI AMBIENTALI: LA REGIONE PUO' FARE DI PIU'

Si è tenuto ieri a L’Aquila il sit-in dinnanzi al Palazzo dell’Emiciclo per richiamare il Presidente della Regione e il Consiglio regionale sulla questione  prevenzione e gestione dei disastri ambientali. 

Componenti di una delegazione dei dimostranti, i Consiglieri teramani Cardelli, Berardini e Marroni sono stati " gentilmente accolti in sede di Conferenza dei Capigruppo, e di questo rendiamo pubblicamente grazie" - hanno dichiarato-  " per esporre  le richieste più urgenti contenute nel documento sottoscritto da tutti i partecipanti: sicurezza sismica per tutte le Scuole dell’obbligo ed invio di musp nelle more della realizzazione, celere ripristino e miglioramento sismico per gli alloggi ERP,  requisizione degli alloggi inabitati di V.Longo per l’accoglimento degli sfollati ERP da edifici inagibili. Sull’argomento Scuole, l’unico di fatto approfondito, i nostri interlocutori come prevedibile, si sono dichiarati d’accordo nel merito, ma genericamente impotenti ad intervenire sulle modalità di esecuzione". 

Al confronto ha preso parte il Vicepresidente Lolli il quale si è mostrato disponibile verso un sollecito intervento legislativo di rango regionale (o nazionale, su proposta della Regione Abruzzo) al fine di stabilire un indice minimo di vulnerabilità sismica al di sotto del quale gli edifici pubblici non possano rimanere aperti. Questa è sicuramente una grande vittoria della delegazione.

Non era presente il Presidente D’Alfonso. " Dobbiamo evidenziare, però - aggiungono i consiglieri - che il Vicepresidente Lolli e il Presidente del Consiglio Lucrezio Paolini hanno assunto preciso e formale impegno per la convocazione di un ulteriore incontro, a strettissimo giro, per una approfondita discussione con il Presidente D’Alfonso, ma vogliamo sin da ora anticipare al renzianissimo e filogovernativo Presidente - ha concluso la delegazione teramana -  che siamo pronti contrastare qualsiasi ulteriore tentativo di sottrarsi alle proprie responsabilità, riproponendo le deboli obiezioni, già brevemente rintuzzate, avanzate dalla sua maggioranza per giustificare l’inerzia passata e futura: la preminenza discrezionale del governo centrale, le leggi e le norme esistenti, le lungaggini burocratiche, la penuria di risorse. Ricordiamo ancora, come abbiamo già sottolineato alla Capigruppo, che la Costituzione e le leggi attribuiscono enormi poteri alla Regione in tema di tutela della salute, governo del territorio, protezione civile, scuole, diritto all’abitazione, tutela del lavoro, consentendole, tra l’altro di legiferare autonomamente ed in subordine di presentare proposte di legge in Parlamento".

URBANISTICA E APPALTI: INCONTRO DI STUDI A GIURISPRUDENZA CON PRESIDENTE E MAGISTRATI DEL TAR

Teramo, 5  maggio 2017 ‒ Urbanistica ed appalti: poteri di autotutela e poteri del giudice amministrativo è il tema di un incontro di studi che si svolgerà  oggi venerdì 5 maggio 2017 alle ore 15.30 nella Sala delle lauree della Facoltà di Giurisprudenza.

Il convegno, organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza e dalla Scuola di specializzazione per le professioni legali ‒ in collaborazione con l’Ordine degli avvocati e quello degli architetti di Teramo ‒ partendo dai nuovi principi generali per l’autotutela, approfondirà i temi relativi ai poteri del giudice, alla SCIA e alla tutela del terzo, al contratto di appalto e all’autorizzazione al subappalto, all’autotutela legittima e alla responsabilità della Pubblica Amministrazione.

I lavori, che saranno presieduti dal presidente del TAR Abruzzo Antonio Amicuzzi, si apriranno con i saluti del rettore Luciano D’Amico, del preside della Facoltà di Giurisprudenza Paolo Marchetti, del direttore della Scuola di specializzazione per le professioni legali Roberto Carleo, del presidente dell’Ordine degli avvocati di Teramo Guerino Ambrosini e del presidente dell’Ordine degli architetti di Teramo Giustino Vallese.

Seguirà l’introduzione di Diego De Carolis, dell’Università di Teramo, e gli interventi di Alfredo Contieri, dell’Università di Napoli; Maria Abbruzzese, presidente di sezione del TAR di Salerno; Lucia Gizzi, magistrato del TAR Abruzzo; Mariano Protto, dell’Università di Torino; Carlo Maria Pisana, dell’Avvocatura generale dello Stato; Salvatore Dettori, dell’Università di Teramo. Previsti, inoltre, gli interventi programmati di Sandro Pelillo, Piero Sandulli e Alberto Zito.

Le conclusioni saranno affidate a Riccardo Villata, professore emerito di Diritto amministrativo

GIORNATE ADRIATICHE DI CARDIOLOGIA

Nel pomeriggio di venerdì 5, e per l’intera giornata di Sabato 6 Maggio si terrà a Giulianova, presso l’Hotel Don Juan, la Diciassettesima edizione delle Giornate Adriatiche di Cardiologia, evento ormai ospitato per la settima edizione consecutiva nella cornice di Giulianova Lido.

Il congresso, organizzato dalla SISMED (Società Italiana Scienze Mediche) e dal Dipartimento Cardio Vascolare della ASL di Teramo, è patrocinato da Provincia di Teramo, Comune di Giulianova e  dalla stessa ASL teramana. 

Come per le passate edizioni il congresso si propone di creare un ponte tra gli specialisti ed i MMG al fine di favorire uno scambio di informazioni utili alla corretta gestione del paziente, e coniugare l’approfondimento delle tematiche cardiologiche di più vasto impatto epidemiologico, economico e sociale, con il risvolto pratico della professione medica, proponendo elementi di dibattito e condivisione tra specialisti (cardiologi, diabetologi, pneumologi..) e medici di medicina generale.


Tra i punti di approfondimento di questa edizione saranno trattate le linee guida europee sull’utilizzo di farmaci, Il controllo della spesa sanitaria nelle scelte terapeutiche e l’uso dei “Nutraceutici”; quest’ultimo aspetto cercherà di colmare un vuoto conoscitivo della categoria medica che sempre più frequentemente deve confrontarsi con questa “nuova” opportunità terapeutica. 

Infine, nell’ambito del progetto “Adriatic Cardiovascular Society”, organizzazione internazionale interassociativa che si propone di favorire il dialogo cardiovascolare tra le due sponde dell’Adriatico, nella sessione del sabato mattina saranno presenti due Accademici provenienti da Serbia e Montenegro nell’ambito di una sessione scientifica internazionale che vedrà, tra gli altri, la presenza del Prof. Francesco Romeo, ordinario di Cardiologia presso l’Università Tor Vergata di Roma e past president della Società Italiana di Cardiologia. L’intera sessione sarà tradotta simultaneamente grazie all’ausilio di interpreti professionisti e cabina di regia. 

Presidente del Convegno: Cosimo Napoletano  Coordinatore Scientifico: Gabriele Catena