Cultura

il fibrillante EUGENIO FINARDI

Sono passati 25 anni da quando Eugenio Finardi, celebre cantautore e artista italiano, recitava in una canzone “mi sento come Willy il coyote, che cade ma non molla mai” e 15 anni sono trascorsi dall’ultima pubblicazione di inediti in italiano. Come Willy, Finardi è tornato con un nuovo album intitolato “Fibrillante”, uscito a febbraio scorso e realizzato in collaborazione con il cantautore Max Casacci, del gruppo musicale “Subsonica”.

Un titolo vivace per descrivere un sound nuovo e molto più ritmato, che ci restituisce un Finardi come l’abbiamo conosciuto, con l’indignazione potente e sfacciata degli anni settanta; 15 anni di sperimentazioni musicali, dal fado al rock, alla musica classica contemporanea (Accadueo,1998) fino al blues, un vestito vibrante e nuovo, per il nostro “extraterrestre” preferito.

In attesa della sua partecipazione all’evento teramano del 06 giugno 2014, gli abbiamo chiesto di raccontarci il suo mondo e la sua musica:

Maestro, con “Palloncino rosso” nasce un rocker dalla forte personalità, con linguaggio italiano e ritmo americano, una forza di contestazione che da tanti è stata condivisa e da molti purtroppo incompresa, non posso non chiederle quale visione ha dell’ attuale momento storico e dei giovani che ne fanno parte. “Credo che stiamo vivendo un brutto momento storico, un momento estremamente reazionario. Questa crisi dovuta alle distorsioni del liberismo sfrenato, questa ideologia diventata devastante, il cui risultato è dolore, povertà e sofferenza, che tante famiglie condividono, è una situazione terribile, inimmaginabile per chi ha vissuto la propria giovinezza negli anni 60 e 70 in cui si pensava che il futuro sarebbe stato unicamente progresso.”


La sua maturità artistica viene fatta coincidere dalla critica con la sua paternità, condivide questo punto di vista? “Mah, io credo di aver fatto delle cose molto belle negli anni ’70 quando ancora non ero padre, ma sicuramente la paternità ha cambiato la mia creatività, mi ha fatto approfondire alcuni temi, mi ha distolto da altri. E’ stato il momento più importante della mia vita, però credo che la maturità artistica in senso stretto sia stata raggiunta prima”.


“Come Savonarola” , uno dei nuovi brani del suo ultimo album, può essere inteso come un nuovo “manifesto sociale” ? “Si, direi che questo ultimo disco è un’esortazione a svegliarsi , ad indignarsi, perché sembra che i media e la politica degli ultimi vent’anni ci abbiano tolto il senso critico. Poi ci sarebbe da riflettere quanto ci dicono che il liberismo sia necessario, quando in realtà secondo me può cambiare, come tante altre cose. Dovremmo tornare a mettere l’umano al centro delle nostre attività anziché il guadagno. Stiamo vivendo un epoca di distorsioni e bassezze sociali. Fibrillante è un disco di lotta, di impegno, come se ne facevano negli anni settanta”.

Che emozioni nascono dall’attesa di questo disco? “E’ stato eccitante fare questo disco insieme alla mia band, a Max Casacci, Manuel Agnelli. E’ un disco collettivo, un’esperienza molto , molto bella! Chiaramente l’attesa è stata “a fiato sospeso”, fatta di aspettative che non sono state deluse. Il disco è stato ben ricevuto ed ha avuto ottime recensioni” .

Quanto ha contribuito l’esperienza del teatro alla creazione di Finardi Bluesman? “Direi che è il contrario, l’esperienza di Finardi bluesman mi ha portato al teatro. Bluesman lo sono sempre stato; ho cominciato all’età di 13 anni a cantare blues, per poi dedicarmi alla scrittura di testi in italiano, è sempre stato parte di me, ma una volta avviata la produzione di canzoni italiane, il blues è diventata un po’ la mia musica segreta, fino ad avere la possibilità di consumare questo amore, nel 2005 con “Animo Blues”, ben ricevuto dal pubblico e che mi ha fatto sperimentare altre novità, altri progetti tra cui il teatro”.

Come ha vissuto l’esperienza teatrale? “Ormai non sono più un artista che fa solo musica, dialogo con il pubblico, comunico, mi piace guardare negli occhi la gente e raccontare. Ho una vita abbastanza lunga e divertente, la gente apprezza molto anche la parte dialogata dello spettacolo. Sono un artista a tutto tondo, ed anche un uomo che ama raccontare e documentare in ogni forma d’arte il periodo storico che ha vissuto”.

In un’intervista recente parlava del proprio lato femminile, ciò che le ha permesso di “sentire” le donne, cosa apporta alla sua musica questo lato di sé? “Credo che ci siano molti cantautori come me, che sono stati in grado di raccontare le donne, di cantare la realtà femminile, e credo che questa sia una grande ricchezza. Soprattutto essere sicuri della propria mascolinità (ride)porta ad accettare anche il lato femminile di ognuno: come le donne hanno un lato maschile, anche gli uomini hanno un lato femminile e accettarlo significa accettare anche una sensibilità più rara, più istintiva”.

Questa sensibilità che la porta a raccontare così accuratamente le donne, pensa abbia influito sulla sua carriera artistica? “Sicuramente si, mi ha permesso di scrivere a persone che si sono riconosciute in quello che cantavo, donne che mi hanno aperto la loro anima”.

Chi è il Finardi degli anni ’70, chi è il Finardi di oggi? “Quello di ieri è un Finardi personaggio, immaginato, un uomo contestatario, più categorico; oggi Finardi è l’uomo di ieri, agguerrito e riflessivo, più sperimentale, ma con la stessa anima! Poi ognuno ha la propria linea, ho scritto anche canzoni dolcissime, canzoni arrabbiate, ironiche, canzoni filosofiche; il Finardi che la maggior parte della gente conosce è il Finardi arrabbiato, ma oggi c’è anche l’uomo sensibile, più dolce”.

Alla Fanteria di Milano è stato accompagnato da sua nipote, la violoncellista Federica Finardi, cosa ha provato a condividere con lei il palco?  “Mia nipote è un’ottima violoncellista, capace di improvvisare e seguire senza spartito; sul palco per me è una musicista come gli altri ma è stato molto bello condividere lo spazio musicale con lei.”

Dopo “Tu lo chiami Dio” e “E se Dio fosse uno di noi”, che rapporto ha Eugenio Finardi con la fede? “Credo molto nella spiritualità, la ritengo una grande parte dell’uomo, anche se non sono cattolico. Sono legato a sentimenti come la spiritualità, la grazia, la trascendenza; sono sentimenti che condivido, che cerco, che mi arricchiscono tanto, ma la fede non è uno di questi, non credo che questo vastissimo universo nel quale viviamo sia stato creato da un essere senziente”.

Un uomo ancora pervaso di fervore contestativo, che ha molto da dire sulla società, sull’odierno medioevo e da riscoprire, artisticamente, in tutte le sue sfaccettature: il “fibrillante” Eugenio Finardi.

edizione Maggio 2014 - di Chiara Santarelli

ONE BILLION RISING: la forza delle donne che danzano in piazza.

donnaviolenza

La violenza di genere e le necessarie risorse ancora da trovare


Per il secondo anno consecutivo, il 14  febbraio 2014 alle 17,30 in piazza Martiri a Teramo si è tenuto il flash mob di San Valentino contro la violenza sulle donne. Quest’iniziativa fa parte della campagna “ One Billion Rising”, ideata dalla scrittrice e drammaturga statunitense Eve Ensler, fondatrice del movimento V-Day e autrice de “I monologhi della vagina”.

Register to read more...

Nel paese di John Fante, di M. R. La Morgia

jon_fante

L’ESTATE CULTURALE ABRUZZESE

A Torricella Peligna il ricordo dello scrittore americano e delle sue origini abruzzesi

John Fante, come autore, sbarcò in Italia nel 1940. Elio Vittorini fu il primo a scoprirlo e a tradurlo. Nel 1978, nel suo romanzo Donne, Charles Bukowski lo defi nì “lo scrittore migliore che abbia mai letto” e intervenne sulla sua casa editrice, la Black Sparrow Press, per farne ripubblicare l’opera. Oggi Fante, il fi glio di Nick, muratore di Torricella Peligna emigrato negli Stati Uniti, è tradotto, letto, amato in tutto il mondo. Un grande numero di scrittori e intellettuali fa riferimento a lui per la sua scrittura, per la sua capacità di raccontare la quotidianità, per la lucidità e per l’ironia. Nato a Denver, nel Colorado, l’8 aprile del 1909 John Fante a vent’anni decise di trasferirsi in California in cerca di fortuna.

Register to read more...

A LU FUNERALA MI'

del Prof. Lucio Cancellieri - la Sua voce.......

Register to read more...

TRASPORTI A TERAMO, come si cambia!

Il Comune di Teramo ha avviato dal lunedì 8 aprile il processo di razionalizzazione del sistema di trasporto dovuto a ad un taglio di spesa del 10% :"questi cambiamenti, necessari dal punto di vista economico, permetteranno di risparmiare 150mila euro l'anno – dichiara l'assessore ai trasporti Giorgio Di Giovangiacomo – il budget della regione copre 1.100mila kilometri e Teramo superava questa cifra di 300mila kilometri". Tolto il superfluo è iniziata una rivoluzione dei servizi di trasporto perché "oggi

Register to read more...

FUMARE O SVAPARE

mozzicoSul Sito del Ministero della Salute è possibile scaricare una guida pratica che puo' essere di aiuto per chi decide di smettere di fumare. E' uno strumento che fornisce indicazioni, consigli e strategie, basate su ricerche scientifiche. L'incipit è costituito dall'invito ad affrontare il cambiamento. Ne riportiamo un breve estratto che riassume le due fasi di "lavoro" per chi decida di tutelare la propria salute smettendo di fumare.

"Non tutto ciò che viene affrontato si può cambiare, ma niente si può cambiare finché non lo si affronta". James Bolwin

Register to read more...

Tatiana Valle: diario di viaggio dal Brasile a "Monto[RIO]"

tatiana_valle_primapaginaTatiana Valle, artista eclettica e molto affermata nel suo natio Brasile, con una carriera già consolidata oltreoceano, un giorno ha deciso di allargare i suoi orizzonti ed è approdata in Abruzzo, quasi per caso, restando affascinata dal nostro paese. L'unione tra le due culture e il sodalizio artistico con

Register to read more...

Francis Bacon la visione della condizione umana

mostra_francois_bacon_primapaginaDal 9 marzo al 5 maggio, il Palazzo de' Mayo di Chieti ospita le opere di Francis Bacon (Dublino, 1909 - Madrid, 1992) nella mostra "La visione della condizione umana", una retrospettiva dedicata ad un artista che ha profondamente segnato la storia dell'arte del Novecento. La pittura di

Register to read more...