Attualità

AIMPA & ITALCONFIDI, siglato accordo

strettadimano“Con Ital-Confidi si amplia la rete di servizi che AIMPA mette a disposizione dei propri associati, nell’ottica di una dinamica e concreta azione a supporto dell’imprenditoria abruzzese - così il presidente Antonio Persano nell’annunciare

Leggi tutto...

Il Presidente con la P maiuscola

Giandomenico Di Sante:

IL BANCHIERE GENTILUOMO

disante

È il "Presidente" con la P maiuscola.

7 volte alla guida di altrettante banche,


che hanno fatto la storia dell'economia (non solo) teramana

 

Dagli inizi teramani, nel lontano 1977, con la Banca Popolare di Teramo e Città Sant'Angelo, il Cavalier Giandomenico Di Sante si trova oggi a presiedere una Superbanca, quella scaturita dalla fusione di Banca dell'Adriatico e Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno. Entrambi gli istituti fanno parte del gruppo Intesa San Paolo, ma la concentrazione degli sportelli, nelle tre regioni costiere orientali, ne fa un organismo destinato a incidere considerevolmente nell'economia di questi territori, soprattutto in questi tempi di crisi.

Come si è giunti a questa fusione?

"Entrambe le banche fanno già parte del gruppo Intesa san Paolo, in particolare Carisap era una controllata al 70% circa. Una trattativa in corso da qualche tempo ha portato all'acquisizione dell'intero pacchetto di Carisap. In questo modo le due banche sono diventate così "due gocce dello stesso mare".

Qual è oggi il ruolo che ha o dovrebbe avere una banca?

"Oggi la banca è chiamata a un grande cambiamento, a una innovazione forse maggiore di altre attività imprenditoriali: è un impresa come tutte le altre, ma svolge una funzione estremamente delicata soprattutto in questo periodo. È necessarIo che sia effi ciente ed efficace. Deve adeguarsi sempre più e sempre meglio ai tempi che viviamo, a cominciare dagli uomini, dalle risorse umane. Investiamo grandi risorse in aggiornamenti e formazione costanti, lo dobbiamo alle tantissime piccole aziende che sono cresciute insieme a noi, che abbiamo accompagnato con successo,almeno fi no ad alcuni anni fa. Ora la crisi ha cambiato molte cose e molte aziende hanno avuto diffi coltà a sostenere lo scenario economico che si è creato. Il sistema bancario deve trovare una intelligente gestione, ma con senso di responsabilità".

Lei conosce a fondo la situazione dell'economia teramana e non solo...

"Direi per fortuna, e per una responsabilità etica e morale, conosco molto bene quello che accade da Gabicce alla Puglia. Avevamo circa 200 sportelli ora 268 , ma dopo questa fusione, le due banche, che fino a ieri avevano un'operatività autonoma e degli spazi da gestire ora più ampi e articolati sul territorio, adesso si trovano a seguire una quantità enorme di clienti. I problemi di carattere generale, l'Italia, l'Europa, la globalizzazione, hanno dato un volto nuovo all'economia. Una volta non c'era una interconnessione così forte. Rispetto al passato la crisi è enormemente più grande delle precedenti perché più complessa, più interconnessa e soprattutto più veloce. La differenza è proprio nell'enormità, nella complessità, nella velocità e interconnessione degli scenari: quello teramano con l'Abruzzo, quello dell'Abruzzo con l'Italia, l'Italia con l'Europa, l'Europa con il mondo. Il rischio è di considerare questa crisi simile alle precedenti ma non è cosi. Oggi non si tratta di difendere solo il "tozzo di pane". Oggi il disagio, la sperequazione, la disuguaglianza sociale stanno arrivando a livelli non più sostenibili. Cresce il numero delle famiglie in diffi coltà. La classe media scende di livello e chi sta ai margini va protetto. Non solo con sostegni fi nanziari, ma con una modifi cazione nella gestione politica di questa crisi. Purtroppo la politica si è rivelata inadeguata. Non solo perché non è riuscita a fronteggiare il momento attuale, ma perché per 10 anni vi è stata una valutazione inadeguata di quello che accadeva, e nella capacità di competere che scemava e nella valutazione dell'Europa e del mondo. La responsabilità, va detto, non è solo italiana, anche l'Europa ha i suoi limiti, ma noi siamo chiamati a fare la nostra parte, che non può fare nessun altro. In questo senso abbiamo pieno diritto a promuovere una gestione delle diffi coltà dell'economia a livello europeo. Promuovere questa partecipazione corale, nella diversità dei ruoli e dei pesi, nell'interesse di tutti. Il nostro interesse in questo caso è anche maggiore, ma in prospettiva è interesse di tutti. La Germania che domina è una "vittoria di Pirro", il suo vantaggio è transitorio. Un fenomeno di riflessione che già si avverte. L'Italia deve , sempre meglio, conquistare una capacità contrattuale. Si è in grado di sollecitare, coinvolgere, condizionare e promuovere nella misura in cui si è credibili, nei programmi, nella stabilità e capacità di competere e riguadagnare gli spazi da gestire".

Tornando alla nuova "superbanca", quali possono essere le ricadute vantaggiose per questo territorio?

La provincia di Teramo, che aveva nella Vibrata la "Milano del sud" con la sua quantità di "formiche che portavano chicchi di grano al granaio" e producevano ricchezza, una miriade di piccole aziende molto vivaci e dinamiche, in questo processo di cambiamento hanno visto molte di loro uscire fuori dalla capacità di competere, molte altre in sofferenza, molte sono proprio scomparse. Questa nuova realtà potrà dare una presenza più capillare, una "potenza di fuoco" maggiore, con la capacità di saper coniugare il localismo con l'effi cienza e l'effi cacia che il cambiamento persegue. Abbiamo alle spalle questo gigante (il gruppo Intesa-San Paolo. Ndr) che ci fa essere una banca molto particolare. E' una grande fortuna avere radici profonde e diffuse nel territorio. Tantissime aziende sono cresciute con noi e con la Tercas, altra protagonista importante, che ci ha visti alternativamente prevalere. Lei ha affermato di recente che , a fronte dei limiti dettati dalle disposizioni europee, ai direttori resta pur sempre un ambito discrezionale importante".

Secondo lei, le banche torneranno a fare credito alle imprese e alle famiglie?

"I parametri europei, le linee guida vanno rispettate, poi le regole di attuazione vanno seguite "cum grano salis", con razionalità. Noi abbiamo l'onore e l'onere di svolgere un ruolo. In questo momento posso affermare che noi impieghiamo più di quanto raccogliamo e non è un problema proprio perché il gruppo è estremamente solido e con liquidità abbondante". Una carriera ricca di passaggi importanti la sua, che l'hanno vista sempre al timone, sia di aziende che di banche... Nelle mie scelte, molte volte ho avuto successo, qualche volta ho sbagliato, oggi sono soddisfatto. Ho sempre ritenuto che fosse utile avere alle spalle qualcuno di più grande, che fosse in grado di fare qualcosa di diverso dalla piccola banca locale, con le logiche e le strategie di un grande gruppo. Questa è la settima banca che presiedo. In questa nuova articolazione siamo un insieme unico. Sono stato nominato prima presidente di Carisap e poi della nuova Banca dell'Adriatico, che ha iniziato a pieno titolo le sue attività il 15 aprile. La prima importante acquisizione, tuttavia, risale all'83, con un istituto marchigiano, di San Benedetto del Tronto che aveva 10 sportelli. L'anno dopo fu la volta dell'Aquila con altri 12 sportelli Poi il "matrimonio" Pesaro- Teramo, l'operazione più bella che potessi sognare e che si è rivelata di grande diffi coltà. Per un paio di anni ho fatto l'acrobata, perché il processo di amalgama era diventato estremamente impegnativo, la banca non progrediva nei giusti modi e giusta direzione Seguì un apparentamento con la Cassa di Bologna e con una holding: CAER, che comprendeva BDA, Cassa di Bologna e Cassa di Gorizia. Poi le banche diventarono 7 e nacque l' altra holding, CARDINE ( di cui sono sempre stato presidente e amministratore). Avevano un free capital di 12.000 miliardi di lire, una potenza. Però, come dicevano alcuni soci, eravamo " 7 signorotti di campagna" perché si avvertiva già l'esigenza di essere accompagnati verso l'internazionalizzazione e sentivamo di non avere né l'esperienza né gli uomini suffi cienti. Da questo pensiero nacque il progetto di inserimento nel gruppo Intesa San Paolo che oggi è realtà. L'internazionalizzazione in realtà non è un'esigenza solo attuale, è cominciata 20 anni fa e a mio avviso l'Italia possiede già i fondamentali per uscire da questa crisi".

Lei ha ricevuto anche un impressionante numero di onorifi cenze...

(sorridendo) "Ho avuto diverse "patacche", è vero, forse molte più di quelle che meritassi, ma due sono molto importanti e mi hanno fatto molto piacere perché sono riconoscimenti che il Presidente della Repubblica dona ai cittadini che hanno fatto cose eccellenti".

Proroga al 30.06.13 per la moratoria mutui imprese

ABIAltri tre mesi per congelare i debiti delle piccole e medie imprese

Aziende che non abbiano usufruito di precedenti moratorie hanno tempo fino al 30 giugno per la presentazione di domande alle banche ai fini della sospensione di rate mutuo, finanziamenti e leasing per un intero anno, Inoltre, allungare prestiti immobiliari, anticipazioni bancarie e scadenze del credito agrario di conduzione, ottenere finanziamenti finalizzati all'aumento di mezzi.

Il pacchetto denominato "Nuove misure per il credito alle PMI", a sostegno delle imprese in difficoltà, è concertato dal settore bancario in sinergia con il Ministero dell' Economia e delle Finanze, il Ministero dello sviluppo economico e tutte le Associazioni rappresentative del mondo imprenditoriale, ed è stato firmato il 28 febbraio 2012.

La proroga comunicata dal Comitato esecutivo dell'ABI, ha la finalità di sostenere la difficile situazione economica in cui versa ancora il Paese. La scadenza del pacchetto dapprima fissata per il 31 dicembre 2012, era stata spostata prima al 31 marzo 2013 e ora al 30 giugno.

Gli interventi finanziari previsti per le imprese sono di 3 tipi:

- operazioni di sospensione dei finanziamenti;

- operazioni di allungamento dei finanziamenti;

- operazioni per promuovere la ripresa e lo sviluppo delle attività.

Si inseriscono nell'accordo il Plafond Progetti investimenti Italia, per favorire il finanziamento di progetti di investimento, e il Plafond Crediti Pa, per agevolare lo smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica amministrazione.

Banche e Imprese sono al lavoro per ridefinire un nuovo accordo compatibile con il perdurare della congiuntura economica e delle condizioni operative delle banche. L'ABI ha avviato il confronto con i rappresentanti delle imprese per stilare, entro il nuovo termine di fine giugno, un nuovo accordo.

Temi di condivisi sono fin'ora risultati l'attenuazione degli impatti di Basilea 3 sulle Pmi, il potenziamento dell'operatività del Fondo di garanzia per le Pmi e lo sviluppo delle reti d'impresa.

Al via gli eco-incentivi contro la crisi dell'Auto

autorottamateDal 14 marzo. Flotte Aziendali

Dal 14 marzo gli ecoincentivi 2013 destinati all'acquisto di veicoli commerciali, auto e flotte aziendali, l'obiettivo è di risollevare un settore in grave crisi in tutto il territorio Europeo.

Incentivi, destinati nella quasi totalità a possessori di Partite IVA che potranno beneficiare di uno sconto del 20% per la sostituzione e l'acquisto di veicoli ecologici, strumentali all'attività lavorativa e aziendale.

Il via libera è arrivato con il Decreto Sviluppo, concedendo benefici a coloro che acquistano veicoli a basse emissioni (elettrici, ibridi, a metano, a biometano, a Gpl, a biocombustibili, a idrogeno) stanziando un totale di 45 milioni di euro per il 2013, 35 milioni nel 2014 e 45 milioni nel 2015.

L'agevolazione si traduce in uno sconto sul prezzo d'acquisto con tetti massimi di 2mila, 4mila o 5mila euro a seconda delle emissioni di CO2.

La pratica viene sbrigata dai concessionari che scelgono di aderire all'iniziativa, iscrivendosi e utilizzando l'apposita piattaforma online del MISE. Dal 14 marzo sarà quindi possibile, per i rivenditori, prenotare i contributi – pari a 120 ml di euro per il triennio 2013-2015- nell'apposita piattaforma all'interno del sito www.bec.mise.gov.it, sito già a disposizione degli utenti dal 6 febbraio scorso.

Il provvedimento, con finalità ambientali e a carattere sperimentale, è rivolto prevalentemente all'acquisto di veicoli aziendali e per uso pubblico.

Requisiti per l'eco-contributo

Il contributo statale è destinato a chi acquista veicoli (automobili, veicoli commerciali leggeri, ciclomotori e motocicli a due e tre ruote, quadricicli), immatricolati fra il 2013 e il 2015, ad alimentazioni alternative (elettrici, ibridi, a metano, a biometano, a GPL, a biocombustibili, a idrogeno) con emissioni di anidride carbonica (CO2) non superiori a 120 g/km. Nella maggior parte dei casi è prevista la rottamazione del vecchio veicolo.

Politiche, Contratto di Rete: proroga del bando al 26 aprile

gazzettaLa Giunta Regionale abruzzese ha disposto il prolungamento fino al 26 aprile 2013 del periodo di presentazione delle domande di partecipazione al "Bando per la promozione e lo sviluppo di contratti di rete nel territorio della Regione Abruzzo",

Leggi tutto...

La “nostra” recessione

recessione_primapaginaLa recessione è una condizione macroeconomica caratterizzata da livelli di attività produttiva (PIL) più bassi di quelli che si potrebbero ottenere usando in maniera efficiente i fattori produttivi a disposizione. Si ha la recessione quando la variazione del PIL rispetto all'anno precedente è negativa; se la

Leggi tutto...

Poveri in patria ricchi altrove

soldi_primapaginaSecondo un'inchiesta condotta dal Centro Studi e Ricerche Sociologiche "Antonella Di Benedetto" di KRLS Network of Business Ethics per conto dell'Associazione Contribuenti Italiani, si evidenzia una crescita del +11,30%, solo nel 2013, di "poveri " che però comprano beni di lusso oltralpe. "Poveri possidenti

Leggi tutto...

Farsi "furbi" per investire

euro3Qualche anno fa l'indecisione delle famiglie italiane risiedeva nella scelta della forma di investimento. Adesso il problema è tutelare il risparmio che ancora resiste. Quella, più o meno, esigua somma che rimane dai "tempi d'oro"

Leggi tutto...