Interviste

VILLA PAVONE: LA PALESTRA DELLA DISCORDIA

È’ molto amareggiato il presidente del Comitato di Quartiere VillaPavone-Colleatterrato sulla questione sollevata dalla

Leggi tutto...

democrazia partecipativa popolo consapevole e sovrano

Il percorso giuliese verso nove forme di rapporti fra cittadini e pubblici poteri sembra avviarsi verso vette, forse, per certi versi,

Leggi tutto...

A colloquio con Nazario Pagano

 “Il coordinatore regionale Nazario Pagano gode della mia stima e della mia fiducia. In questi due anni di attività ha svolto un eccellente lavoro ed ha sempre dimostrato affidabilità politica, lealtà e capacità organizzativa. A breve lo incontrerò per affrontare con lui il tema delle prossime elezioni amministrative in Abruzzo” . (Silvio Berlusconi, 17 dicembre 2015).

Incontriamo il Presidente del Comitato Regionale Forza Italia Abruzzo a Francavilla a Mare, nel corso di un meeting di fine anno, tra i vari comitati regionali abruzzesi e sostenitori del partito.

Presidente Pagano, motivo di questa riunione, a parte gli auguri di fine anno?

Questi incontri servono per fare il punto della situazione del nostro partito. Affrontiamo vari temi che ci coinvolgono, i tesseramenti, le linee di programma per il prossimo anno , le iniziative che  intendiamo mettere in atto, anche alla luce dei rapporti che abbiamo intessuto ed intensificheremo con i nostri alleati prossimi, o comunque vicini a Forza Italia come NCD, Fratelli d’Italia, Noi con Salvini e altri partiti con cui abbiamo governato l’Abruzzo e continuiamo a governarlo.

Ho capito bene? Anche l’NCD?  

La legge elettorale approvata dal parlamento, l’Italicum, prevede il premio alla lista, un tecnicismo che dimostra, di fatto, l’inutilità di fare listarelle che arrivano al 2, 3, 5 %  ma anche del 10 % ; così non si arriva da nessuna parte. Bisogna che  una lista arrivi almeno al 40 % , per posizionarsi tra i primi posti, e andare al ballottaggio. Questo impone una riaggregazione, perché se le forze di centro destra andassero divise, arriverebbero al  4- 5 o forse 6% , il che non avrebbe alcun senso. Sia chiaro che l’Italicum non mi piace,  ma ha questo lato positivo, che “obbliga” i simili a riaggregarsi. Bisognerà vedere quali saranno i contenuti programmatici, chi sarà candidato premier e chi vorrà aderire a questa riaggregazione . E’ semplicistico dire solo NCD, identificandolo unicamente con Alfano; NCD ormai è un logo smarrito che credo non si presenterà neanche alle prossime amministrative, ma tra le  persone che hanno fatto quel percorso, sicuramente ci sarà chi proseguirà  col PD, altri si orienteranno verso diverse compagini politiche, e altri che vorranno tornare alle loro origini.

Qual è lo stato di  salute di FI in Abruzzo?

Lo stesso che ha in tutta Italia, un partito che ha avuto difficoltà ma che ha lavorato anche durante e dopo le vicissitudini del suo leader; siamo un partito che si deve ristrutturare, rivitalizzarsi. In tutto ciò però l’aspetto positivo è che nonostante tutto quello che è successo,  non è poco avere ancora il gradimento del 12- 13% dei nostri sostenitori. Ritengo che le prospettive di riaggregare ed essere utili a tanta parte della collettività ci siano, ottime ed abbondanti. Occorre lavorare sia da un punto di vista programmatico che di vicinanza al territorio. Normalmente il consenso che si riscuote è  proporzionato ai risultati che si ottengono, e noi dobbiamo offrire un’alternativa credibile all’attuale governo di centro sinistra.

Mi dica tre priorità imprescindibili per il nostro Abruzzo

Le stesse per l’Italia. Diciamo che l’Abruzzo sta all’Italia come l’Italia sta all’Europa e al mondo.

Ma in Abruzzo, perdoni il campanilismo,  abbiamo L’Aquila da ricostruire…

La priorità assoluta è il lavoro, i numeri sulla disoccupazione sono agghiaccianti sia per noi che per l’Italia intera; la seconda è la sicurezza, di cui si è molto affievolita la percezione, manca il controllo sull’immigrazione che è diventata eccessiva, ma mi riferisco anche all’allarme sociale dei “piccoli” e meno piccoli reati di cui non si parla mai e che fanno un grande, reiterato danno a tutta la collettività. La terza priorità è collegata alla prima: dobbiamo lavorare sodo per un’ accelerazione sulla ripresa dell’economia e pagare meno tasse. Poi, certo, noi abbiamo le nostre specificità, l’entroterra abruzzese con i suoi problemi, L’Aquila ancora da ricostruire, una Sanità da migliorare e potenziare, ma credo che i temi generali, le priorità siano quelle che ho descritto.

Franceschini aveva detto due anni fa che in 5 anni ricostruiva il nostro capoluogo…

E ha detto una colossale sciocchezza, lo ha capito anche l’ultimo degli Aquilani. Allora, se vogliamo dirla tutta, è stato molto più serio il Presidente Chiodi che disse che per ricostruire la città occorreranno almeno 15 anni; e mi pare che il tempo, galantuomo,  gli stia dando ragione.

Purtroppo …

Ma era logico ed evidente che non si sarebbe potuto fare. Anche per motivi tecnici, burocratici e per la complessità della situazione de L’Aquila.

Da ultimo, un suo commento sulla mancata elezione di un candidato di Forza Italia tra i  giudici della Consulta?

Ho sentito, so che è andata così….

Sono stati eletti tre giudici tra l’asse PD- Movimento 5Stelle

Si sono messi d’accordo tra simili. Ci sono alcuni approcci culturali che fanno dei grillini degli ex di sinistra. Nel contempo, una certa parte della sinistra è vicina ai grillini  quindi è ovvio che si trovino in sintonia, che ci sia dialogo tra loro piuttosto che tra noi e i 5Stelle, o in qualche caso tra noi e il PD. Il Movimento 5Stelle, accordandosi con il PD e quindi smentendo la sua ferrea posizione di non affiancarsi mai a nessun partito, ha dimostrato che può dire tutto e il contrario di tutto e la cosa ormai non scandalizza neanche più. Nella nostra cultura, se uno non tiene fede alla parola data è un problema, per i 5Stelle una cosa detta lascia il tempo che trova.

Mafalda Bruno

Davide Faraone: Rispetto le fughe dal PD, ma non le comprendo

Il giorno 5 novembre scorso, presso l’Università degli Studi di Teramo, alla cerimonia di consegna della Laurea Honoris Causa

Leggi tutto...

LA STRADA PER MARTE PASSA DA MONTORIO

A cura della   Federazione Italiana Scienze della Terra,  dal 18 al 25 di Ottobre ben 237 eventi, in 180 località,  vedranno impegnati 600 ricercatori e 320 partner per illustrare il programma di ricerca:  

LE AREE CARSICHE GESSOSE DALL’ITALIA FINO A MARTE

A Montorio al Vomano (Teramo), il  24 Ottobre dalle ore 9,30 nell’ex Convento degli Zoccolanti.

Lo scienziato e ricercatore abruzzese (e montoriese) Gaetano Di Achille, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, che sta studiando i delta fluviali del Pianeta Rosso, ha illustrato le peculiarità scientifiche del progetto:  

“Le cavita' sotterranee, scoperte sulla Luna e su Marte, sono candidati primari come siti abitativi per i primi uomini che si stabiliranno sulla Luna e altri corpi del sistema solare – ha piegato Di Achille - L'esplorazione umana dello spazio sta tornando infatti in cima nelle agende delle agenzie spaziali mondiali, prime tra tutte NASA ed ESA, e nei prossimi decenni verranno stabiliti i primi insediamenti sulla Luna e su Marte. Infatti le sonde che orbitano Marte hanno consentito di individuare numerosi possibili sistemi carsici gessosi sul pianeta rosso – ha proseguito Di Achillecentinaia di cavità sotterranee accessibili dalla superficie sono state individuate anche sulla Luna e potrebbero essere presenti anche su altri pianeti e/o satelliti del sistema solare. Cosi come sulla Terra, questi ultimi ambienti possono essere nicchie preferenziali per ospitare forme di vita su altri corpi del sistema solare e per questo motivo sono oggetto di specifiche strategie esplorative per le future missioni delle agenzie spaziali.

Le grotte infatti rappresentano uno scudo naturale alle elevate radiazioni, al bombardamento micrometeoritico e alle ostili temperature e escursioni termiche che si riscontrano sui pianeti con tenui atmosfere e/o privi di campo magnetico (un esempio su tutti: Marte),  e potrebbero dunque rappresentare dei microambienti in cui potrebbero rinvenirsi anche forme di vita”. 

Gli scenari futuri ma a quanto pare non lontani sono davvero interessanti. Il 2015 è l’anno in cui l’uomo si è spinto ai confini del sistema solare avvicinandosi a Plutone (con New Horizons, NASA) e atterrando sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko (con Rosetta, ESA) compiendo così due memorabili imprese per l’intera umanità.

“Queste nuove conquiste – ha continuato Di Achille - evidenziano come lo studio geologico, e non solo, della Terra non può più prescindere dal confronto con i nostri "vicini di casa".

L'esplorazione dei pianeti del nostro sistema solare rappresenta una parte consistente del futuro delle scienze geologiche. I ricercatori dunque, scenderanno in campo con La Settimana del Pianeta Terra , creata da Rodolfo Coccioni dell’Università di Urbino e Silvio Seno dell’Università di Pavia .

In Abruzzo è presente un piccolo sistema carsico – gessoso analogo a quello scoperto su Marte- prosegue Di Achille, che si potrà visitare con un’escursione accompagnati dai ricercatori il 24 Ottobre a Montorio Vomano ( Abruzzo) . Come Societa' Geologica Italiana, Sez. di Geologia Planetaria – ha concluso Di Achille - terremo due eventi: uno a Firenze e uno in Abruzzo perché riteniamo che questa sia un ottima opportunità  per promuovere e divulgare le ultime scoperte riguardo alla geologia degli altri corpi del nostro sistema solare, e allo stesso tempo sensibilizzare il mondo italiano delle scienze della terra verso l'esogeologia, lo studio geologico dei pianeti e relativi satelliti extraterrestri. 

A Montorio, in località  San Mauro è presente un piccolo sistema carsico-gessoso impostato sul membro evaporitico della Formazione della Laga. Questo sito è davvero molto interessante dal punto di vista idrogeologico e geomorfologico e si compone di una dolina comunicante con una piccola grotta connessa a sua volta con il torrente S. Mauro. Le gessareniti contribuiscono anche verosimilmente alla mineralizzazione di alcune sorgenti locali che presentano elevati contenuti di zolfo in soluzione. Oltre ai peculiari aspetti geologici e idrogeologici che lo rendono un ottimo candidato come geomorfosito, il sito ospita anche specie di pipistrelli protette ed è pertanto sicuramente da tutelare e rendere fruibile a livello turistico”.

per chi volesse partecipare ecco gli appuntamenti :

Il 24 Ottobre – tutti a vedere grotte analoghe a quelle scoperte su Marte - Le aree carsiche gessose dall’Italia sino a Marte: aspetti geomorfologici, idrogeologici e ambientali - Implicazioni per l’astrobiologia e l’esplorazione planetaria – Ore 9 Sala Convegni ex convento degli Zoccolanti, Piazza Orsini, Montorio al Vomano (TE). Nel pomeriggio briefing nelle grotte .

Tutto il programma con tutti gli eventi è su www.settimanaterra.org

TABLEAU DE BOARD EXPO2015 item 3

Facendo seguito ai due precedenti articoli , oggi affrontiamo l’ argomento ed il motivo principe per cui sono andato ad EXPOMILANO 2015 ovvero

Leggi tutto...

AGENTI USARCI, TERAMO CHIUDE. ANZI… NO!

Una profonda trasformazione sta interessando il sindacato degli Agenti di Commercio, USARCI Teramo  che al termine di una

Leggi tutto...

EXPO '15 tra storia e curiosità - 2^ parte

La prima ESPOSIZIONE UNIVERSALE ebbe luogo  a LONDRA nel 1851 Milano ha già ospitato una EXPO nel 1906, ma

Leggi tutto...