Curiosità

DAL SACRO al PROFANO, da MARX a Padre GUTIERREZ, riflessioni sulla Pasqua

ILPASSAGGIOSicuramente il termine "Pasqua" (Pèsach o Pesah) nel vecchio testamento ha significato

Leggi tutto...

L’ INVERNO STA ARRIVANDO

capitan_americaE' in Italia che gli "studios" americani mettono in campo l'eroe della casa Marvel a stelle e strisce.

Leggi tutto...

MA QUALE “FESTA” DELLA DONNA!

festadonnaL’8 marzo è la giornata internazionale della donna.

Leggi tutto...

L’ALTRO PUNTO DI VISTA

DignitDa sempre, come ha rimarcato Pirandello, le verità sono tante quante sono gli osservatori. Ognuno ha una prospettiva e vede una parte di verità. Esiste la verità in assoluto? Esiste un'unica versione di dignità? Per definizione la dignità è "la condizione di nobiltà ontologica e morale in cui l'uomo è posto dalla sua natura umana, e insieme il rispetto che per tale condizione gli è dovuto e che egli deve a sé stesso. La dignità piena e non graduabile di ogni essere umano, ossia il valore che ogni uomo possiede per il semplice fatto di essere uomo e di esistere è ciò che qualifica la persona, individuo unico e irripetibile. Il valore dell'esistenza individuale è dunque l'autentico fondamento della dignità umana". Secondo Tommaso d'Aquino, quindi secondo la concezione cristiana, la dignità dell'essere umano sta nel suo essere creato a immagine e somiglianza di Dio e nella sua capacità di fare le proprie scelte in continua tensione etica verso Dio. Per I. Kant, invece, risiede nel suo essere razionale e capace di vita morale, così da agire sempre "in modo da trattare l'uomo, così in te come negli altri, sempre anche come fine e mai solo come mezzo". La costante delle diverse definizioni, cristiane o pagane, sta nella coerenza. Non sta a noi giudicare, ma per assurdo ed estrema esemplificazione ha più dignità una "donna di strada" che ammette di esercitare il mestiere più antico del mondo anziché i nostri politici che si "prostituiscono" al potere, al denaro ma poi, quotidianamente, rivendicano rispetto e restituzione della dignità. E' legittimo scegliere di diventare un personaggio pubblico, candidarsi alle elezioni, di ogni livello, ma poi bisogna accettare le implicazioni che comporta l'essere un personaggio pubblico, ancor più se trattasi di posizione di vertice. Ma dichiarare di essere diversi e voler cambiare il sistema, e poi lasciarsi travolgere senza ammettere i propri errori che senso ha? Si, forse è solo retorica o semplice banalità. Un classico per noi Italiani. In ogni altra parte del mondo quando "scoppia uno scandalo" ci si dimette e poi si chiarisce; da noi si grida "al lupo al lupo" e ci si tiene stretta la poltrona. Del resto Berlusconi docet.

PrimaPagina edizione Febbraio 2014

INTERNAZZIONALIZZARE IN TEMPO DI CRISI - CNA informa

CNA_informaLa CNA per propria vocazione, è da sempre, vicina al tessuto produttivo locale attraverso la sua funzione rappresentativa all'interno delle Istituzioni locali; offre diversi servizi, incentiva e promuove la creazione e lo sviluppo delle imprese. Negli ultimi tempi, però, è impegnata nel potenziamento della propria capacità di sostegno alle imprese in progetti di internazionalizzazione e aggregazione (Reti e Poli di innovazione), perché il successo di un'azienda è sempre più legata alla sua capacità di interagire in una dimensione globale. In tal senso, la CNA di Teramo si avvale anche di una rete di professionisti, in modo da poter soddisfare le tante esigenze che le imprese avvertono; inoltre, è considerato molto importante costruire canali relazionali con Istituzioni ed operatori dei mercati potenzialmente interessanti, per sperimentare forme di collaborazione finalizzate ad offrire opportunità di business al nostro territorio. L'obiettivo è di mettere direttamente in contatto gli operatori del mercato con le imprese. Per questa ragione il 10 e l'11 Febbraio la CNA con la Camera di Commercio di Teramo organizzerà un evento pubblico, per il quale è stato scelto il mercato brasiliano visto l'enorme potenziale di questa nazione. Il Brasile è al quinto posto per dimensioni (è pari al 47% del territorio sudamericano) e numero di abitanti (oltre 190 milioni); la produzione di PIL posiziona il Paese sudamericano al sesto posto nella classifica mondiale, non a caso appartiene ai cosiddetti BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica), cioè i Paesi in forte crescita e con maggiori potenzialità. Sono già tanti i privati europei ed italiani che hanno investito su questa nazione e molti altri che intendono farlo. Altro aspetto, che sarebbe ingenuo sottovalutare, è l'affinità culturale tra l'Italia ed il Brasile: due Paesi lontani ma con la stessa matrice linguistica, quella neolatina, la presenza di una comunità italiana tra le più dense al mondo (la stima è di circa di 30 milioni di individui di terza generazione), confermata da relazioni umane e commerciali costanti. L'evento di seguito descritto intende rappresentare un utile e concreto servizio per il tessuto produttivo locale poiché consentirà di rilevare le opportunità legate al mercato brasiliano per diversi settori produttivi e di conoscere, inoltre, i riferimenti istituzionali ai quali rivolgersi per chi intende affacciarsi su tale mercato. Oltre a trasferire informazioni a carattere generale, l'iniziativa si dedicherà in modo specifico a due settori, quello Agroalimentare e quello dell'Edilizia. Il pomeriggio, infatti, sarà dedicato ad approfondimenti sui due singoli settori. Nello specifico saranno organizzati due gruppi di lavoro distinti, in cui gli imprenditori potranno esplicitare dubbi, aspettative e richieste di chiarimenti sulle dinamiche del mercato brasiliano. I gruppi di lavoro saranno gestiti dagli ospiti presenti durante il momento seminariale e da moderatori che hanno conoscenze specifiche sui settori oggetto dell'iniziativa. Preme ricordare che questo evento è organizzato in partenariato con la Camera di Commercio di Teramo, inoltre, saranno coinvolti i Poli di Innovazione e altre associazioni di rappresentanza con l'obiettivo di rafforzare la collaborazione e la condivisione di strategie per il territorio. 

PrimaPagina edizione Gennaio 2014

27 ANNI PER COSTRUIRLA...

STRADA_BELLANTE... 25 minuti di pioggia per disgregarla.

 

L'ultimo tratto del "Lotto Zero", aperto e fruibile solo da qualche settimana. Grande festa e cerimonie ufficiali in grande stile per la fine dei lavori; peccato che nessuno, tra i rappresentanti delle istituzioni abbia osato ricordare che i lavori sono durati ben 27 anni. Tra i cittadini è serpeggiato anche malumore, in molti avrebbero suggerito di fare l'apertura in sordina, viste le vergognose lungaggini che hanno caratterizzato l'opera, ma, come si usa dire al peggio non c'è mai fine. Iniziata la stagione delle pioggia, in questi giorni caduta copiosa, un tratto della nuova strada a scorrimento veloce viene ingoiata dall'acqua. All'altezza di Bellante, al posto della rampa di uscita ora c'è un baratro, il baratro dell'ennesima vergogna! Memori di quanto accaduto anche due anni fa(l'anno passato siamo stati graziati in quanto le piogge non sono state molto intense), in analogo periodo, nel tratto stradale all'altezza di S.Nicolo', una corsia fu portata via dal fiume in piena, possiamo ritenerci fortunati. Che non ci siano state vittime o infortuni (ancora).

di Daniela Palantrani

Trise,Tasi e Tarip:la LEGGE DI STABILITA' cambia i nomi ma rimangono sempre TASSE

taripÈ in arrivo la riforma della tassazione immobiliare (l'ennesima direi) contenuta nella legge di stabilità approvata negli scorsi giorni dal Governo. Esce la Tares ed entra il Trise.

Dal 2014 arriverà un nuovo tributo sui servizi dei Comuni, il Trise, formato dalla Tasi, sulle prestazioni indivisibili e dalla Tari sui rifiuti.

A regime, dovrà trasformarsi in Tarip: tariffa puntuale commisurata su quantità e qualità dei rifiuti prodotti. La nascita della Tarip se confermata, andrà incontro alle richieste del ministero dell' Ambiente, il quale ha sempre individuato nel principio europeo " chi inquina paga" la bussola da seguire nella messa a punto della nuova tariffa sui rifiuti.

Prima dell'entrata in vigore della Tarip, la Tari verrà calcolata sulla base della superficie calpestabile dell'immobile e sarà dovuta da chi lo occupa (proprietario o inquilino).

La Tari sostituirà la Tares.

Alla Tasi, pari all'uno per mille da pagare in parte dal proprietario e in parte dall'inquilino, spetterà il compito di superare l'Imu. Di superamento, infatti, si tratta e non di cancellazione. La cancellazione si avrà solo sulle abitazioni principali non di pregio Sulle seconde case e su quelle di lusso l'imposta municipale si continuerà a pagare. Tetto al prelievo non potrà superare L'Imu.

In sintesi arriva un nuovo tributo immobiliare, il Trise che sarà formato dalla Tari sui rifiuti e dalla Tasi sui servizi indivisibili.

La prima sarà calcolata sui metri quadri e poi si trasformerà in tariffa " puntuale"; la seconda partirà da un' aliquota dell'uno per mille. Spariscono la Tares e L'Imu sulle prime case non di lusso.

La nuova fiscalità locale è ancora in fase gestazionale.

In merito all'abitazione principale per questo anno sembra che l'imu non si pagherà (ad eccezione delle case di lusso). L'anno prossimo la Tasi arriverà presso le nostre abitazioni.

La base di riferimento è lo stesso valore catastale imu, con l'applicazione dell'aliquota dell'uno per mille fino al 2,5 per mille a discrezione dei Comuni.

L'imu scontava 200 euro a tutti e 50 euro per figlio convivente fino a 26 anni, per la Tasi sembra ad oggi che non sarà così. Se le regole della Tasi rimarranno queste, in fase di studio, la prospettiva futura vedrà il pagamento della stessa per molti immobili oggi esenti dall'imposta imu.

Arriveremo a rimpiangere l'imu?

Laura Di Paolantonio - Commercialista – Revisore Contabile

MEDJUGORJE: UN FENOMENO, UNA STORIA, UN’ESPERIENZA...

medjugorie

  Forse il termine “fenomeno” è riduttivo, forse Medjugorje potrebbe essere anche definita un’esperienza e non necessariamente legata alla fede. Medjugorje, una storia che provoca polemiche tra avversari e sostenitori. Anche la stessa Chiesa, con la

Leggi tutto...