Curiosità

Sulle ali del futuro i bambini imparano l’ornitologia

Arriva a Teramo l’iniziativa per avvicinare le nuove generazioni agli animali e ai loro ambienti. 

Si chiama ‘Le ali del futuro’ ed è l’iniziativa in programma per domani, domenica 23 aprile, presso il Conad Superstore del Centro Commerciale Gran Sasso di Teramo. 

Organizzato dall’associazione ornitologica teramana ‘Il Nido d’Abruzzo’ in collaborazione con il noto punto vendita, l’evento apre le porte dell’ornitologia ai più piccoli. Protagonisti assoluti saranno, infatti, i bambini, per i quali è stata predisposta un’intera area espositiva dove chi vorrà potrà conoscere le caratteristiche di volatili di grande e piccola taglia, vedere momenti interessanti della loro vita come la cova e farsi fotografare accanto a variopinti pappagalli. 

“L’obiettivo – spiega meglio il presidente de ‘Il Nido d’Abruzzo’, Mauro Di Marcantonio – è quello di  avvicinare i più piccoli a un mondo sconosciuto ai più, nella convinzione che sia di fondamentale importanza far conoscere a animali e ambienti alle nuove generazioni, in un’epoca storica nella quale si tende invece a rinchiudersi in casa davanti a tablet e pc”. 

Per questo motivo, per tutta la giornata gli stand saranno a completa disposizione di grandi e piccini, che potranno anche eventualmente decidere di associarsi in forma assolutamente gratuita. All’interno dell’area sarà presente anche un apposito punto informativo con personale a disposizione dei bambini. 

“Lavoriamo – continua Di Marcantonio – per permette di aumentare la vicinanza con l’animale perfezionando l’osservazione, l’interpretazione attribuendo un significato all’atteggiamento, alla postura, al movimento e l’immedesimazione”. 

PIZZAIOLI D’ABRUZZO. CAMPIONATO EUROPEO E WORLD PIZZA CONTEST 2017

Il Team Abruzzo Pizzaioli sbanca alla gara World Pizza Contest 2017 e al Campionato Europeo Pizza Senza Frontiere di Rimini 

Valerio Valle, Luca Valle, Vincent Di Marcello, Vincenzo Marcozzi, Simone Pomante, Roberto D'Angelo e Andrea Antoccia sono i nomi del Team Abruzzo Pizzaioli che ha letteralmente fatto incetta di premi alle gare World Pizza Contest 2017 e  Campionato Europeo Pizza Senza Frontiere di Rimini. 

Al World Pizza Contest 2017 Andrea Antoccia, pizzaiolo abruzzese ma operante già da tempo in Germania, ha vinto il titolo di Campione Mondiale Pizza Vegana e si è inoltre aggiudicato anche il Premio Campione dei Campioni. 

Valerio e Luca Valle si sono invece classificati rispettivamente primo e secondo al Campionato Europeo Pizza Senza Frontiere con le loro originali creazioni.

 

Valerio Valle, titolare de La Compagnia della Pizza di Giulianova, già pluripremiato, docente e curatore di moltissime pizzerie anche oltre i confini italini, ha convinto la giuria con una pizza stagionale, tutta invernale, farcita con crema di zucca, cime di rapa, radicchio, mozzarella di bufala, olive taggiasche, semi di zucca e semi di girasole, fatta con una miscela di grani duri, abbinata alla birra Amarcord, una birra ambrata con zuccheri canditi. 

Luca Valle, titolare della pizzeria rosetana Fratelli Valle si è invece aggiudicato il secondo premio al Campionato Europeo Pizza Senza Frontiere con la sua pizza cime di rapa, lardo di Colonnata, pecorino di Amatrice su impasto a base di farina macinata a pietra. 

Un bel modo per dare all'Abruzzo il giusto lustro, con l'audacia e a creatività di giovani imprenditori che puntano sulla nostra regione e sulle loro tipicità con grande passione.

Giulianova-Architettura: nomination progetto VGRAMSCI

Si chiama VGRAMSCI ed è uno dei 17 progetti italiani che ha ricevuto una nomination al prestigioso Mies van der Rohe Award 2017, competizione europea di architettura contemporanea a cadenza biennale indetto dalla omonima Fondazione. 

Una sostituzione edilizia, ai margini del centro storico di Giulianova, che è una vera e propria opera d’arte in cui l’architetto Giovanni Vaccarini ha tentato di unire, con successo, i due tessuti urbani opposti – antico e contemporaneo – nella città di mare abruzzese. Due tessuti urbani che convivono: quello compatto della città antica e quello diradato e costruito per vuoti più che per pieni della città contemporanea, che, con una crescita incessante, dal dopoguerra ha compromesso gran parte del territorio. Il lotto, posto in declivio, segna il crocevia tra via Gramsci e via Cesare Battisti. 

“L’edificio poggia su di basamento “cavo” che suddivide l’area in due porzioni: 

– una prima (quota 0,00) con accesso direttamente da via gramsci; parte che distribuisce la parte commerciale e dei servizi dell’edificio 

– una seconda con accesso da via cesare battisti (quota +3,50 mt) che distribuisce tutta la parte residenziale; una sorta di suolo artificiale su cui sono poggiati anche i giardini pensili e gli accessi pedonali.” si legge nel progetto. 

“Dal basamento esce a sbalzo su via gramsci il volume scolpito delle residenze; volume addossato all’angolo nord est a segnare il crocevia tra le due viabilità principali.

L’idea è quella di avere un suolo artificiale sollevato dal piano stradale su cui “ galleggia” il volume delle residenze. 

Questa soluzione identifica in maniera chiara le differenti parti dell’edificio e permette di disegnare l’affaccio est con un grande terrazzo che guarda il mare.

Il blocco delle residenze, addossato sul lato nord, in questo modo, riesce ad inquadrare lo scorcio esistente nella cortina dell’edificato est. Uno scorcio che traguarda l’orizzonte. A sud l’area affaccia su un giardino di una delle ville storiche della città, giardino da cui si proiettano le lunghe ombre dei pini. Il progetto si apre, l’edificio si flette e proietta volumi ed affacci verso lo spazio esterno; grosse aperture vetrate includono brani di paesaggio negli interni degli alloggi.

Il flesso della facciata principale prende la luce in maniera di differenziata, cosa che si evidenzia alle diverse ore del giorno; una citazione dell’amata palazzina in via Archimede a Roma di Ugo Luccichenti. I volumi disegnano sotto la luce un gioco di ombre che si fonde con quelle del paesaggio circostante”.

 

 

SCUOLA DIFFUSA: PROPOSTA DELLA ONLUS IL VELIERO

L'attuale condizione di emergenza scolastica per molti comuni colpiti dagli eventi sismici potrebbe indurre ed incoraggiare a considerare come una opportunità l’idea di “scuola diffusa”

Leggi tutto...

251 studenti abruzzesi ai talents dell’imprenditoria: 159 sono di Teramo

Si è conclusa la fase di recruiting delle scuole italiane per Young Business Talents, simulatore d’impresa che permette ai giovani di prendere

Leggi tutto...

SISMA: ATTENZIONE ALLE PROCEDURE DI VERIFICA E ASSISTENZA

E’ dalla metà di Settembre che diversi nostri lettori – dell’area del cratere - ci segnalano estemporanee visite di Imprese, Associazioni e

Leggi tutto...

Mario Bollini domani alla maratona di New York

Mario Bollini sarà domani, 6 novembre, a New York per partecipare alla famosa maratona

Leggi tutto...

PIZZERIA DI CASTELLI 3za al CONCORSO NAZIONALE DELLE PIZZERIE MIGLIORI D’ITALIA

Terza pizzeria migliore d’Italia e prima in Abruzzo. Questo lo straordinario risultato del ristorante – pizzeria “ La Terrazza dei Grue” di Piazza Roma di Castelli, il famoso borgo in Provincia di Teramo famoso in tutto il mondo per le sue ceramiche , al concorso organizzato dal “ Mulino 5 stagioni” e dal noto sito di gastronomia “ Gatronauta.it” e al quale hanno partecipato le pizzerie di tutta la nazione. Un mese di votazioni online che hanno portato a questo risultato importante per il proprietario e pizzaiolo Luigi Pelle, istruttore della famosa “ Scuola Italiana Pizzaioli” di Caorle, Venezia, già vice – campione europeo di pizza classica  nella Fiera Host Milano 2011 con la pizza creata appositamente per l’occasione dal nome “ Ricciolina” e con vari successi in altre gare del settore. “ E’ stata una grande e bellissima soddisfazione raggiungere questo risultato che premia il mio lavoro e della mia famiglia” – racconta Pelle – “ Ringraziamo tutti coloro che ci hanno sostenuto. La mia è una passione autentica per la pizza e sono felice che in molti apprezzano le mie creazioni”. Luigi Pelle con “ La Terrazza dei Grue” fa parte anche della squadra di pizzaioli  “ Interamnia pizza” alla quale appartengono altri pizzaioli e pizzerie della Provincia ( Antonio Di Antonio de “ La piazza” di Garrufo, Gianni Pompetti “ La pizzeria de poemi” di Villa Vomano ed Emilio Bizzarri de “ Il tramonto” di Ancarano) e che è stata premiata più volte al campionato francese e al mondiale della pizza di Parma nelle varie specialità. Il motto della squadra è “ tanta passione, innovazione per creare emozioni in pizza”.