Sport

CAMPIONATI NAZIONALI DI KICK BOXING I.K.T....

Domenica 22 Aprile si sono disputati a Roma presso il Palasport di Tolfa i CAMPIONATI NAZIONALI DI KICK BOXING I.K.T.A. Il Club Interamnia di Teramo ha anche questa volta i suoi...

Leggi tutto »

Gusto

POLPETTE DI PESCE x 4 Persone - 20 min...

1) Bagnate del PANCARRE' con il latte. Tritate cipolla e MERLUZZO scongelato in un robot, poi mescolate al pancarrè strizzato. Aggiustate di sale e...

Leggi tutto »

Cronaca

TERAMO-OSPEDALE: IN ASCENSORE SOLO CON TEL...

All'ospedale di Teramo la singolare avventura degli utenti con gli ascensori. Chiunque si trovi a dover fruire dell'ospedale di Teramo dovrà accertarsi di avere sempre...

Leggi tutto »

Vita Sociale

PREVENIRE LA CRIMINALITA' IN BANCA: ...

Sottoscritto in Prefettura,il 3 maggio scorso,  il nuovo Protocollo d’Intesa per la prevenzione della criminalità in banca. Incrementate le misure di sicurezza passiva presso gli...

Leggi tutto »

Curiosità

Sulle ali del futuro i bambini imparano ...

Arriva a Teramo l’iniziativa per avvicinare le nuove generazioni agli animali e ai loro ambienti.  Si chiama ‘Le ali del futuro’ ed è l’iniziativa in...

Leggi tutto »

Salute e Benessere

Ospedale Atri:sarà rinnovato Endocrinologi...

Al via ai lavori di ristrutturazione, all’interno dell’Ospedale di Atri, per realizzare la nuova U.O.C. di Endocrinologia, diretta dal Dr. Bruno...

Leggi tutto »

L'Internet dipendenza

internet dipendenzaItaliani: popolo di santi, poeti e anche navigatori. Ma se, secoli fa, abbiamo dato un valente contributo a nuove scoperte geografiche solcando i sette mari, oggi siamo un po’ più comodi e ci limitiamo a navigare, ormai nella sua accezione informatica ovviamente, dal nostro pc.
Gli Italiani, infatti navigano, navigano, forse troppo, tanto da finire quarti nella poco lusinghiera classifica dei Paesi Internetdipendenti. Quarti dopo cinesi, coreani e giapponesi. Trascorriamo su Internet mediamente, il 31% del nostro tempo libero, contro la media di molte altre nazioni che si attesta intorno al 25%. Un piccolo aneddoto personale. La scorsa settimana sono stato fuori casa per tre giorni, un intero weekend. Sono stato a Roma ad un congresso, il cui programma era talmente ricco che non ho avuto, in alcun modo, l’occasione di connettermi a Internet. Questa è una riflessione a posteriori, che mi ha portato a realizzare come, una volta a casa, tempo un quarto d’ora, ero di nuovo attaccato al pc, connesso alla rete. E ci sono rimasto un bel po’, quasi a voler recuperare il tempo “perduto”. Ora, sorrido, poco sereno in realtà, domandandomi se anche io sia uno di quelli che si intrattiene davanti al computer per ore e ore al limite dello sfinimento, o comunque, uno di quelli che sente il continuo bisogno di accedere a Internet diverse volte al giorno. Si è sentito parlare a volte di Internet dipendenza. Ma è una di quelle cose di cui già dal nome si crede di aver capito tutto. Tuttavia, precisamente, di che si tratta? Come si riconosce? Quali sono le sue caratteristiche? A cosa può portare? Navigo un pò (tanto per non smentirmi!) e trovo diverse informazioni, che, pur risentendo della mancanza di vere e proprie ricerche scientifiche, delineano il quadro di una situazione più seria di quanto potessi immaginare. La dicitura trova la sua origine nella letteratura psichiatrica, nel 1995 negli Stati uniti. Gli studi in Italia iniziano a partire dal 1998. Sono state individuati 4 tipi specifici di dipendenza: 1) quella cyber-sessuale, riguardante l’accesso e la fruizione di file pornografici; 2) quella cyberrelazionale, per cui si instaurano delle relazioni virtuali che con il tempo soppiantano quelle reali; 3) il Net Gaming, ossia il giocare in maniera compulsiva e patologica, online, a videogame, a giochi d’azzardo, casinò virtuali, ma può riguardare anche lo shopping compulsivo sui siti d’aste; 4) il Sovraccarico Cognitivo, inteso come continua navigazione alla ricerca compulsiva di in formazioni, notizie, curiosità e quant’altro. Insomma come ogni altro tipo di dipendenza, le implicazioni negative che comporta sono tante. Dai disturbi della personalità all’insonnia, dalla progressiva difficoltà a instaurare e gestire rapporti relazionali interpersonali alla più grave perdita del senso di sé, quindi alla depressione. A questo punto, però, non posso fare a meno di considerare come l’accesso wireless a Internet, tramite le ormai famose Internet key, e l’inarrestabile diffusione dei social network quali Facebook, Twitter, My-Space (per citare giusto i più famosi) abbiano contribuito a incollare al pc un numero sempre maggiore di persone e abbiano aumentato la quantità di tempo che essi dedicano alla navigazione. Tuttavia un buon mezzo per assumere una certa consapevolezza sulla nostra dipendenza da internet è fare il questionario creato apposta dalla ricercatrice che ha individuato le 4 forme di dipendenza. Il test si chiama “Internet Addiction Test”, consta di venti domande e lo si trova comodamente sulla rete.

RIAPRIAMO IL CANTIERE EUROPA...

Le proposte e le azioni del Radicale Paolo Forlì per una vera Unione Europea   Il 12 Aprile a San Benedetto del Tronto si è...

Leggi tutto »

CORONA: IL GUADO DI CARAPOLLO E LA CAMPAGN...

Lista Civica “OLTRE”: “chi per anni è stato silente in Consiglio sul problema del guado di Carapollo, stranamente se ne ricorda...

Leggi tutto »

PROEL SPA: SUONI E LUCI DEL FUTURO...

La sfida di un’azienda che non insegue il successo, lo crea. Venerdì 6 aprile 2018, alle ore 12,30 presso la sede di...

Leggi tutto »

Pubblicità commerciale

LE RUBRICHE